FESTIVAL MUSICA IN PROSSIMITÀ

17-18-19 giugno 2022 - PINEROLO (TO) Italy

Venerdì 17 giugno

ore 19.30 presso Sala Italo Tajo di Pinerolo, Via San Giuseppe

Quartetto Maurice e Anna Korsun
In The Cage per quartetto d'archi, cembalo, voci e recinzioni di metallo, prima esecuzione assoluta

Nel corso degli anni, il Quartetto Maurice ha approfondito lo studio del repertorio della musica contemporanea con i più grandi interpreti e con i maggiori compositori dello scenario musicale internazionale. Si occupa inoltre della promozione di nuova musica attraverso commissioni a compositori italiani e stranieri, mantenendo una curiosità e una apertura a 360° sul frastagliato panorama compositivo odierno. Il Quartetto si è esibito nei maggiori festival in Italia e in tutto il mondo, come: Biennale di Venezia, Società del Quartetto di Milano, November Music, Italian Academy presso la Columbia University di New York, Vancouver New Music ecc... Ha vinto il bando Movin' Up 2016 (per il sostegno alla mobilità degli artisti), il XXXV Premio della Critica Musicale Italiana "Franco Abbiati" dedicato a Piero Farulli nel 2015 e il Kranichsteiner Stipendium Preis ai "48° Ferienkurse fuer Neue Musik" di Darmstadt nel 2016. 

Georgia Privitera, Laura Bertolino, Francesco Vernero, Aline Privitera

Compositrice, sound artist e performer ucraina con sede in Germania ha studiato composizione a Kiev e Monaco di Baviera con Moritz Eggert. Anna combina nella sua creatività composizione musicale, installazione, performance e sound art. Lavora per diverse formazioni, da solista a orchestra, inclusi strumenti acustici, voce, elettronica e oggetti sonori. Collabora con arti visive, danza,teatro e letteratura. Anna coinvolge nei suoi lavori musicisti sia professionisti che dilettanti, nonché non musicisti. Oltre all'attività di artista, Anna esegue musica contemporanea come cantante/tastierista, dirige progetti musicali e insegna composizione al conservatorio di Amsterdam, oltre che a corsi internazionali. 
anna korsun.JPG

ore 21.30 presso Teatro del Lavoro di Pinerolo, Via Chiappero 12

Yaron Deutsch Sgorgo Y e Sgorgo oO di Pierluigi Billone per chitarra elettrica
 

Sgorgo Y        2012

Sgorgo oO     2013

 

per Chitarra elettrica    

 

 «Tu puoi sentire il suono di due mani quando battono l'una contro l'altra,» disse Mokurai,

 

«ora mostrami il suono di una sola mano».

 

Sgorgo Y é stato  scritto per la mano sinistra di Yaron Deutsch. 

 

Sgorgo oO é stato scritto per la mano destra di Jeff Beck.

Fondatore di Ensemble Nikel, Yaron Deutsch (1978, Tel Aviv) è un chitartarista noto principalmente per i suoi ​​lavori nel campo della musica contemporanea (classica). È il fondatore e il direttore artistico del quartetto da camera Nikel e ospite frequente dei migliori gruppi e orchestra d'Europa dedicati alla musica contemporanea. Spesso suona con gli accreditati Klangforum Wien & MusikFabrik ensemble.

Come solista si è esibito con la Filarmonica Israeliana, la Filarmonica di Los Angeles, la Filarmonica di Lussemburgo, la Luzerner Sinfonieorchester, la Sinfonica Nazionale della Rai (torino), la Swr symphonieorchester e l'orchestra Sinfonica della radio di Vienna;

Yaron Deutsch_Ensemble Nikel_c_Markus Sepperer.jpg

suonando sotto i direttori Sylvain Camberling, Titus Engel, Peter Eötvös, Zubin Mehta, Emilio Pomàrico, Peter Rundel e Ilan Volkov, solo per citarne alcuni. le registrazioni delle sue esecuzioni sono disponibili sulle etichette Col legno, Kairos, Neos, Sub Rosa e Wergo. Oltre alla sua attività performativa, è professore all'università di musica di Basilea (Hochschule für Musik fhnw / Sonic space basel) e tutor di chitarra ai corsi estivi internazionali di Darmstadt. Inoltre cura il festival internazionale di musica da camera contemporanea a Tel Aviv – “tzlil meudcan” (in ebraico: “updated tone”).

Sabato 18 giugno

ore 18.00 presso Teatro del Lavoro, Via Chiappero 12 Pinerolo

Talk con Anna Korsun e Quartetto Maurice moderata da Giulia Mengozzi

ore 19.30 presso Circolo Sociale di Pinerolo, Via Duomo 1

Nuntempe Ensamble, quartetto per chitarre di G.F. Haas e Josè Manuel Serrano 
Monadologie XXXII
, the Cold Trip I, Nach Schuberts Winterreise per 4 chitarre e voce di Bernhard Lang  con Giulia Zaniboni

 

George Friederich Haas / Quartett für vier Gitarren, per quattro chitarre

 

Questo brano utilizza scordature di 1/12 di tono fra i 4 strumenti per creare un effetto di glissando da una parte e una sonorità arricchita da armonici e parziali in blocchi di omofonia. La materialitá del suono va sviluppata in cerca di un punto in comune.

Josè Manuel Serrano / Everything’s dead but the tree per quattro chitarre amplificate

 

Basato sull'estetica e i componenti emotivi dell’opera teatrale di Beckett “Aspettando Godot”, incrociando inoltre la musica rinascimentale di Monteverdi, “Everything is dead but the tree”, dedicato a Nuntempe Ensamble, è pieno di sonoritá scure in cui sprofondare, ottenute attraverso il suono delle chitarre preparate e tecniche estese.

Bernhard Lang / Monadologie XXXII - "The Cold Trip, Pt. 1"   per 4 chitarre e voce

 

In una rielaborazione del famoso “Winterreise” di Franz Schubert, Lang offre uno sguardo nuovo selezionando estratti schubertiani e ordinandoli come in un mosaico con una varietà di processi di trasformazione e loop. Inoltre Lang utilizza in Cold Trip la scordatura e la microtonalità per approcciare in modo innovativo sonorità del passato.

Monadologie XXXII - "The Cold Trip, Pt. 1” fa parte di una serie di brani per formazioni diverse che utilizzano questo metodo compositivo attraverso la scelta di brevi campioni musicali preesistenti. ​

Nuntempe Ensamble è un quartetto di chitarre argentino dedito alla musica contemporanea. La sua proposta coniuga la tradizione della musica da camera con l'eclettismo dei linguaggi attuali, in cui convivono chitarre acustiche, chitarre elettriche, elaborazioni in tempo reale, dispositivi elettronici e tecnologici, manifestazioni estetiche diverse in una prospettiva sperimentale. Negli ultimi anni l'aspetto scenico ha acquisito grande importanza nelle loro presentazioni, concependo il concerto con un concetto olistico tra visivo, sonoro, spaziale e temporale.

Pablo Boltshauser, Ariel Elijovich, Manuel Moreno e Andrés Vaccarelli

nuntempe.jpeg
Multitasking per istinto, Giulia Zaniboni, grazie anche a una voce eclettica e versatile, affronta un repertorio eterogeneo che va dalla musica classica e contemporanea al pop.
Dopo aver frequentato corsi di musica leggera, intraprende lo studio del belcanto diplomandosi presso il Conservatorio di Parma. Successivamente decide di approfondire la musica vocale del ’900 e contemporanea con alcuni tra i più grandi interpreti del panorama internazionale (Alda Caiello, Donatienne Michel- Dansac, Andreas Fischer, Petra Hoffmann, Angelika Luz, Marianne Pousseur) prendendo parte a vari corsi di perfezionamento tra i quali impuls academy a Graz e gli Internationalen Ferienkurse für Neue Musik a Darmstadt
zaniboni.jpg

ore 21.30 presso Teatro del Lavoro di Pinerolo, Via Chiappero 12

Alexey Kokhanov: LIMEM, laboratorio sonoro di nuova convenzionalità

LIMEN esamina la soglia tra esperimento e rituale. Utilizzando tecniche vocali estese, il cantante rende irriconoscibile un'aria d'opera. Un rito di trasformazione inventato controlla la sequenza musicale e trasforma il cantante e la stanza in un comune strumento.

 

LIMEN mette in dubbio l'importanza dell'arte "classica" nel presente. Cosa ascoltiamo e sentiamo quando il livello semantico della musica scompare? Come definiamo il nuovo che poi accade? Il processo di fare musica viene messo a fuoco in modo che l'opera appaia come un laboratorio. In un modo semplice la pratica artistica si presenta nella sua realtà: il canto come atto attivo, creativo, come 'lavoro'.

 

ideazione e regia, voce: Alexey Kokhanov - coreografia: Cathy Walsh - drammaturgia: Kilian Dumann

Limen Flyer.JPG

Alexey Kokhanov - Cantante, sound artist e performer russo, la sua attività include concerti di musica contemporanea, performance e masterclass sull’improvvisazione vocale. Main guest artist all’Electrotheatre Stanislavsky e artista presso Krymov’s Laboratory. Si è esibito a Shakespeare Festival, Edinburgh Festival, Perth Festival, Wellington Festival, al Barbican Centre London ed al Taichung Art Centre. Dal 2015 è regista e compositore delle sue performance.

ore 23.30 presso Teatro del Lavoro di Pinerolo, Via Chiappero 12

Ensemble Terrible (ex Electrophonica) è un gruppo di quattro musicisti e performer di base a Torino. Negli ultimi anni il lavoro del gruppo si è concentrato nella sperimentazione musicale, dalla techno a brani di repertorio, e nel rapporto tra suono, spazio, performer e spettatore.

Andrea Marazzi, Federico Primavera, Pietro Caramelli.

ensemble terribile.jpeg

Domenica 19 giugno, Casa Lajolo, Piossasco

installazione sonora visitabile dalle h 10.00 alle h 18.00, presso Casa Lajolo Via San Vito 23 Piossasco (TO)

Ceci n'est pas une porte
invito all'ascolto e interazione individuale e collettiva coll'ambiente che attraversiamo.

Non esistono linee di demarcazione o confini che non siano di matrice umana. L'ascolto non è mai un atto univoco, cela sempre profonda e intrinseca ambiguità, diversità, complessità e ricchezza. All'aperto esistono solo distanze e prossimità, anche dal punto di vista sonoro. Prestare attenzione ai cicli stagionali e alla circolarità degli scarti organici ottenuti dalla manutenzione di un giardino all'italiana significa immergersi in un mondo altrimenti effimero, invisibile e silenzioso.

Luca Garino è un artista sonoro e compositore con base a Torino. Dopo un lungo percorso da autodidatta, perfeziona la sua ricerca presso il LaSDIM (Laboratorio per la sperimentazione e la didattica dell’informatica musicale), seguito da Alvise Vidolin. Attivo dal 1996 nell'ambito della musica acusmatica, elettronica, concreta e computer music, parallelamente sviluppa una forsennata passione e ricerca etnomusicologica. 
Dal 2015 collabora con la casa discografica Holidays Records per la quale cura una serie di pubblicazioni di poesia sonora e di vari artisti e compositori contemporanei.
Ha focalizzato la propria attenzione sul paesaggio sonoro e sui linguaggi delle diverse specie viventi che lo abitano, utilizzando il medium del field recording per catalogarne le tracce. Il suo lavoro ci si presenta come un invito a “porgere orecchio” a suoni che si collocano al limite dell'udibile, un invito a superare (o recuperare) la rottura data dalla difficoltà umana, o perlomeno occidentale, di sviluppare una comunicazione con altre specie, così come di istituire una relazione con l'ambiente che sia priva di supremazia o sfruttamento.
gher.JPEG

dalle ore 18.00 alle ore 19.00 presso Casa Lajolo Via San Vito 23 Piossasco (TO)

Litany, performance rituale

Il cantante e interprete Alexei Kokhanov invita a partecipare al rituale dedicato alla memoria delle vittime della guerra in Ucraina. Alexey sosterrà una singola nota per l'intera ora. Il pubblico è libero di unirsi al canto e di sentire il sostegno reciproco.

Cantante, sound artist e performer russo, la sua attività include concerti di musica contemporanea, performance e masterclass sull’improvvisazione vocale. Main guest artist all’Electrotheatre Stanislavsky e artista presso Krymov’s Laboratory. Si è esibito a Shakespeare Festival, Edinburgh Festival, Perth Festival, Wellington Festival, al Barbican Centre London ed al Taichung Art Centre. Dal 2015 è regista e compositore delle sue performance.

INCONSCIO IN PROSSIMITÀ
workshop con la psicoterapeuta Silvia Tedone ore 10.00 - 13.00
presso Casa Lajolo Via San Vito 23 Piossasco (TO)

Il workshop, alla sua seconda edizione, viene riproposto per artisti, musicisti, compositori, performers che sentano la necessità di esplorare parti della propria interiorità alla ricerca dei "pezzi" utili al loro processo creativo. 

 

Il workshop ha durata di 3 ore e si svolgerà attraverso attività guidate (come la meditazione e l'ascolto), singolarmente e in gruppo.

Nei giorni precedenti, i partecipanti al corso riceveranno una mail con le istruzioni su come preparare il "bagaglio" necessario al buon svolgimento del corso.

 

Silvia Tedone è psicologa e psicoterapeuta, lavora principalmente in ambito clinico con adolescenti e adulti, integrando alla sua pratica la meditazione e il reiki. Si interessa di ipnosi, astrologia e discipline analogiche.

iscrizioni: metamorfosinotturne@gmail.com

costo: 30 euro

10 posti disponibili

mattia-faloretti-jbrR_ESWK2A-unsplash.jpg

Gli altri workshop di domenica 19 giugno